L’industria cinematografica perpetua la discriminazione contro le donne

October 2nd, 2014 · by webmistress · COMUNICATI, GENDER, OCCUPAZIONE, POLITICA
L’industria cinematografica perpetua la discriminazione contro le donne

NEW YORK, 22 settembre 2014 La prima ricerca mondiale sulla rappresentazione di genere nei film rivela una profonda discriminazione radicata nei confronti di donne e ragazze da parte dell’industria cinematografica internazionale. È stato condotto da Dr. Stacy L. Smith, Marc Choueiti e Dr. Katherine Pieper del Geena Davis Institute on Media, Diversity & Social Change Initiative presso la Scuola di Comunicazione e Giornalismo Annenberg dell’Univerità della California del Sud.

Media, Diversity & Social Change Initiative
Media, Diversity & Social Change Init, commissionato da UN Women con il stostegno della Fondazione Rockefeller. Uno studio condotto da
Media, Diversity & Social Change Initiative

La ricerca analizza i film popolari nei paesi e nei territori più redditizi del mondo, tra cui Australia, Brasile, Cina, Francia, Germania, India, Giappone, Russia, Corea del Sud, Stati Uniti e Regno Unito, così come collaborazioni anglo-americane. Mentre le donne rappresentano la metà della popolazione mondiale, meno di un terzo dei personaggi con dialoghi nei film sono di sesso femminile. Le donne detengono meno di un quarto della forza lavorativa rappresentata in opere di narrativa del grande schermo (22,5 per cento), ed esse si trovano molto raramente in posizioni di responsabilità. Le donne nei film rappresentano meno del 15 per cento dei dirigenti d’azienda, figure politiche o persone impiegate nel campo della scienza, tecnologia, ingegneria e/o la matematica.

Come possiamo incoraggiare più ragazze a intraprendere una carriera nel campo della scienza, della tecnologia e dell’ingegneria? È necessario mostrare nei film più donne in varie posizioni in ambito di scienza, tecnologia, ingegneria, matematica, politica e diritto.

Stereotipi soffocano anche le donne che ricoprono posizioni di prestigio. Ci sono molti più uomini che donne nei ruoli di pubblici ministeri e giudici (13 uomini su 1 donna), insegnanti (16 su 1) e medici (5 su 1). Le ragazze e le donne sono presentate più di due volte più spesso di ragazzi e uomini in atteggiamenti sessualmente attraenti e nudo parziale. “Le donne portano più alla società che la loro bellezza fisica,” afferma Stacy L. Smith, ricercatrice principale. “Questi risultati mostrano che, a livello globale, il valore attribuito alle donne e le ragazze non è solo un problema di pellicola. Si tratta di è un problema dell’umanità.

I principali risultati della ricerca:

  • Solo il 30,9 per cento di tutti i personaggi che prendono la parola sono donne.
  • Alcuni paesi mostrano percentuali migliori rispetto alla media mondiale: Regno Unito (37,9 per cento), Brasile (37,1 per cento) e Corea del Sud (35,9 per cento). Tuttavia, queste percentuali sono ben sotto la media della popolazione mondiale, che per il 50 per cento è di sesso femminile. Due casi sono in ritardo: nei film in cooperazione tra Stati Uniti e Regno Unito (23,6 per cento) e film indiani (24,9 per cento), meno di un quarto degli attori con dialoghi sono personaggi femminili.
  • Film d’azione e di avventura privi di donne. Solo il 23 per cento dei personaggi che parlano in questi film sono donne.
  • Su 1’452 registi il ​​cui sesso è stato possibile identificare, 20,5 per cento sono donne e il 79,5 per cento uomini. Il campione analizzato comprendeva il 7 per cento di amministratori, 19,7 per cento di scrittori e 22,7 per cento di produttori di sesso femminile.
  • Nei film diretti o scritti da donne, il numero di ragazze e donne sullo schermo è significativamente superiore rispetto ai film in cui né il regista né lo scrittore sono di sesso femminile.
  • In tutto il mondo è norma la sessualizzazione della donna: le ragazze e le donne appaiono due volte più spesso degli uomini in abiti suggestivi, con un nudo parziale, sottile o totale, e sono cinque volte più spesso rappresentate come attraenti.
  • Posizioni di rilievo sono di solito detenute da uomini: solo il 13,9 per cento dei dirigenti e il 9,5 per cento dei più importanti personaggi politici sono di sesso femminile.
  • Tra le professioni di prestigio, i ruoli degli uomini superano quelli delle donne: pubblici ministeri e giudici (13 uomini su 1 donna), insegnanti (16 su 1), medici (5 su 1) o persone che ricoprono ruoli nel campo di scienza, tecnologia, ingegneria o matematica (7 su 1).

Il rapporto completo è disponibile all’indirizzo: http://seejane.org/symposiums-on-gender-in-media/gender-bias-without-borders/

infographic-GenderBiasWithoutBorders-675px

 

ADISPO :: Investire sulle donne. A 16 anni dalla dalla fondazione, i nostri obiettivi restano quelli di sempre, cioè l’affermazione della donna in tutti gli ambiti della società, da pianificare in concertazione con gli uomini. Ci vuole una nuova e forte leadership femminile. Noi donne ADISPO siamo profondamente convinte – oggi come 16 anni fa – che non abbiamo solo il diritto di governare, ma abbiamo anche la responsabilità di doverlo fare, insieme agli uomini. Con obiettivi chiari. Perché un mondo che rinuncia alle energie della metà della popolazione è un mondo più povero. E noi vogliamo un mondo ricco culturalmente, socialmente ed economicamente. Lo vogliamo più libero, più giusto, più moderno: un mondo che porti tutte e tutti nel futuro. Tutti insieme, nessuno escluso.

Per il Comitato ADISPO

Dr. Angela M. Carlucci
Presidente ADISPO