Il Programma d’azione di Pechino compie 20 anni :: Porre fine alla violenza sulle donne

October 31st, 2014 · by webmistress · COMUNICATI, FORMAZIONE, GENDER, OCCUPAZIONE, POLITICA
Il Programma d’azione di Pechino compie 20 anni :: Porre fine alla violenza sulle donne

BERNA – A 20 anni dalla Conferenza mondiale delle donne di Pechino, e a 16 anni dalla fondazione di ADISPO, per Ognissanti ovvero per il mese di Novembre, il focus è sui costi sociali, sanitari ed economici della violenza contro le donne e gli sforzi nella legislazione e difesa per prevenire questa pandemia che colpisce una su tre donne in tutto il mondo. La violenza contro donne e bambine – una violazione dei diritti umani – continua ad ostacolare l’uguaglianza delle donne e intralcia lo sviluppo per tutti, donne ed uomini.

La violenza contro donne e bambine è una violazione dei diritti umani fondamentali e uno dei principali ostacoli al progresso delle donne in tutti i settori della vita. Essa ha molte implicazioni, tra cui: danneggia la loro salute, che mina le loro prospettive di istruzione e lavoro produttivo, e viola la loro capacità di partecipare pienamente alla vita sociale.

banner-infographic-beijing20-evaw-fr-675px png
>> Per visualizzare, clicca sul grafico <<

Le tristi statistiche mostrano come la violenza è un fenomeno comune, e mostrano le molteplici forme che può assumere. A livello globale, 1 donna su 3 è stata vittima di violenza fisica o sessuale, di solito commesso da un partner intimo. Circa 120 milioni di bambine sono state costrette a fare sesso o di impegnarsi in altri atti sessuali ad un certo punto della loro vita. 133 milioni di donne e bambine in 29 paesi hanno subito mutilazioni genitali femminili.

Più di 700 milioni di donne oggi si sono sposate mentre erano ancora bambine. In pratica, quasi tutte le vittime di sfruttamento sessuale, stimati 4,5 milioni di persone, sono donne e bambine.

I 189 membri delle Nazioni Unite che hanno adottato la dichiarazione e il Programma d’azione di Pechino ha approvato l’appello globale per l’eliminazione di tutte le forme di violenza contro le donne e le ragazze ponendo la violenza tra uno delle 12 aree di interesse. Essi hanno dato una definizione completa di ciò che è la violenza che all’interno della famiglia o della comunità o che venga perpetrata o tollerata dallo Stato. Essi hanno riconosciuto che la violenza è uno dei principali meccanismi che privano le donne di ottenere l’uguaglianza, da cui scaturisce un alto costo economico, sociale e sanitario.

Sin da Pechino, due terzi dei paesi firmatari hanno approvato leggi volte a porre fine alla violenza domestica – un passo storico. Le campagne di sensibilizzazione in tutto il mondo hanno portato alla presa di coscienza e dato impulso alla lotta contro la violenza, messa in atto da donne, ragazze, uomini e ragazzi determinati. Eppure, ci sono ancora lacune in campo legislativo e in materia di tutela giuridica e nell’attuazione dei servizi essenziali. Le donne sono ancora riluttanti a denunciare episodi di violenza subita. In alcuni ambiti, gli atteggiamenti dovuti alla mentalità la tollerano, quando le donne non la denunciano.

La promessa di Pechino era che governi, organizzazioni sociali, scuole, imprese ed altri si impegnassero per porre fine alla violenza, qualunque fosse la sua forma. Siamo sulla strada giusta, ma bisogna ancora a prendere rapidamente velocità. Il nostro mondo può vivere libero dalla violenza. Si tratta di un diritto naturale e fondamentale per le donne.

Il Programma d’azione di Pechino: ispirazioni di ieri e di oggi

Beijing20UNWMasthead-fr-orange gif

Nel settembre 1995, un numero record di 17.000 partecipanti e 30.000 attivisti/e si sono incontrati a Pechino / Beijing in occasione dell’apertura della quarta Conferenza mondiale sulle donne. Delegati/e da tutto il mondo hanno rappresentato la diversità, ma tutti hanno condiviso l’obiettivo comune della parità di genere e l’empowerment delle donne in tutto il mondo. Due settimane di dibattito politico, anche incandescente, durante il quale i rappresentanti di 189 governi hanno stilato impegni di importanza storica. Trentamila attivisti di organizzazioni non governative hanno svolto un forum parallelo e sono riusciti a mantenere la pressione facendo rete, lobbying e mantenendo salda l’attenzione dei media internazionali. La dichiarazione e il programma d’azione di Pechino sono state adottate al termine della conferenza, segnando un passo in avanti senza precedenti per i diritti delle donne.

La Conferenza di Pechino ha affermato la necessità di spostare l’accento sul concetto di sesso, sottolineando come le relazioni uomo-donna all’interno della società, dovessero essere riconsiderate, mettendo le donne su un piano di parità con l’uomo in tutti gli aspetti dell’esistenza. Oltre a ciò, in questa occasione si ribadisce che i diritti delle donne sono diritti umani nel significato più pieno del termine. La Conferenza ha altresì introdotto i principi di empowerment e (gender) mainstreaming, affermando come valore universale il principio delle pari opportunità tra i generi e della non discriminazione delle donne in ogni settore della vita, pubblica e privata – e si è concretata nell’adozione del nuovo Programma d’azione di Pechino, che individua dodici aree di crisi viste come i principali ostacoli al miglioramento della condizione femminile:

  1. Donne e povertà
  2. Istruzione e formazione delle donne
  3. Donne e salute
  4. La violenza contro le donne
  5. Donne e conflitti armati
  6. Donne ed economia
  7. Donne, potere e processi decisionali
  8. Meccanismi istituzionali per favorire il progresso delle donne
  9. Diritti fondamentali delle donne
  10. Donne e media
  11. Donne e ambiente
  12. Le bambine

Con l’adozione di questa nuova piattaforma i governi si sono impegnati a tenere conto della dimensione sessuale in tutte le loro decisioni e strategie: ex ante dovrebbe sempre essere svolta un’analisi degli effetti che essi avranno su uomini e donne, e sulle loro necessità.

Il programma d’azione prevede un mondo in cui ogni donna e ogni ragazza possa esercitare la propria libertà e le proprie scelte e conoscere e capire tutti i propri diritti, compreso il diritto di vivere libere dalla violenza, il diritto all’istruzione, diritto di partecipare alla il processo decisionale e il diritto di ricevere parità di retribuzione per lo stesso lavoro.

Il processo di Pechino ha scatenato una notevole volontà politica e ha generato una maggiore visibilità in tutto il mondo. Ha contribuito a unire e rafforzare movimenti attivisti e femministi in tutto il mondo. La conferenza si è conclusa con una nota di speranza e di un chiaro accordo su come raggiungere la parità di genere e l’empowerment delle donne.

Da allora, i governi, la società civile e l’opinione pubblica hanno messo in atto le promesse del programma d’azione, creando così un vero cambiamento in ogni paese. Essi hanno portato a miglioramenti significativi nella vita delle donne. Oggi più che mai, donne e ragazze hanno accesso a posizioni politiche, sono protette dalle leggi contro la violenza di genere, e più che mai l’uguaglianza di genere è costituzionalmente garantita. Monitorare i progressi compiuti nell’attuazione della piattaforma d’azione di Pechino, che si svolge ogni 5 anni, ha contribuito a mantenere lo slancio.

Tuttavia, il programma d’azione considerava la parità di genere in tutti i settori della vita, un impegno che nessun paese ha attuato. Le donne guadagnano meno degli uomini e sono più propense a svolgere lavori poco qualificati (vedi anche: Gender Gap Report del Wef). Un terzo delle donne subisce violenza fisica o sessuale nel corso della propria vita. Nel mondo, ogni giorno 800 donne muoiono durante il parto a causa delle disuguaglianze in materia di diritti riproduttivi e dell’accesso alle cure sanitarie.

Il 20esimo anniversario della Conferenza di Pechino offre nuove opportunità di incontrarsi, rinnovare l’impegno per rilanciare la volontà politica e mobilitare l’opinione pubblica. Ognuno di noi ha un ruolo da svolgere, per il nostro bene comune. Sta diventando sempre più chiaro che l’empowerment delle donne fa avanzare l’umanità. Ad esempio, le economie crescono più velocemente e le famiglie sono più sane e più istruite. Il Programma d’azione di Pechino / Beijing, anche se orientato verso « Beijing +20 », si concentra sulla mobilitazione della lotta per l’uguaglianza di genere e l’empowerment delle donne. Le sue promesse sono necessariamente ambiziose. Ma col passare del tempo e grazie agli sforzi congiunti delle nuove generazioni, sono a portata di mano.

Molto è stato fatto, molto resta ancora da fare
I progetti sopra citati devono servire ad accrescere la consapevolezza del danno, sociale e personale, che la violenza reca ai singoli, alle famiglie e alla collettività in generale. Negli ultimi decenni sono stati compiuti notevoli progressi nella lotta alla violenza contro le donne nella sfera privata e pubblica sia a livello svizzero che a livello internazionale. Nella prevenzione e negli interventi contro la violenza è d’obbligo la cooperazione tra le istituzioni coinvolte: polizia, tribunali, case delle donne, consultori dell’aiuto alle vittime, servizi sociali, medici, psicologi. La sensibilizzazione dell’opinione pubblica che la violenza domestica non può essere assolutamente giustificata, è un aspetto imprescindibile: la violenza contro le donne va combattuta con ogni mezzo.

A 16 anni dalla fondazione di ADISPO i nostri obiettivi restano quelli di sempre, cioè l’affermazione della donna in tutti gli ambiti della società, da pianificare in concertazione con gli uomini. Noi donne ADISPO siamo profondamente convinte – oggi come 16 anni fa – che non abbiamo solo il diritto di governare, ma abbiamo anche la responsabilità di doverlo fare, insieme agli uomini. Con obiettivi chiari. Perché un mondo che rinuncia alle energie della metà della popolazione è un mondo più povero. E noi vogliamo un mondo ricco culturalmente, socialmente ed economicamente. Lo vogliamo più libero, più giusto, più moderno: un mondo che porti tutte e tutti nel futuro. Tutti insieme, nessuno escluso.

Per il Comitato

Dr. Angela M. Carlucci
Presidente ADISPO

L’Associazione per le Pari Opportunità (ADISPO) è indipendente, apartitica, aconfessionale e svolge la sua attività senza fini di lucro. L’attività dell’Associazione è diretta a garantire l’affermazione, il riconoscimento e la promozione sociale, culturale ed economica delle Donne italiane in Svizzera, secondo il principio delle Pari Opportunità tra uomo e donna. www.adispo.ch


fonti e articoli correlati:

http://beijing20.unwomen.org/
Wef Gender Gap Report: Divario di genere, La parità solo nel 2095
Le donne: dov’è il loro valore?
Giornata della non-violenza. Femminicidio o culturicidio?
L’Ue contro la violenza sulle donne
16 giorni di attivismo contro la violenza di genere

Sulla violenza contro le donne